EIMA

Lamiera

traduzioni e interpretariato per tutte le lingue mondiali, ovunque


English
version
fiere | servizi | Weekly | GMF | PRISMA | notizie | acquista

media kit | contattaci | chi siamo | stampa | link utili | privacy

numero totale utenti registrati: 153225

tipo di accesso: ospite | accedi | registrati

crediti mensili:
crediti giornalieri:

10
2


proponici le tue notizie

email:


SID e VAIA insieme per l’innovazione sostenibile. 160 studenti, 4 gruppi di lavoro e 16 progetti sviluppati: così i ragazzi del secondo e del terzo anno di Scuola Italiana Design hanno risposto alla sfida di VAIA, l’azienda nata a seguito della tempesta che ha devastato i boschi secolari delle Dolomiti per realizzare prodotti in legno che coniugano bellezza estetica e funzionalità e stimolano l’attenzione su sostenibilità ambientale e tutela del territorio


PRISMA news. Torino, 14 gennaio 2022 – Scuola Italiana Design e i suoi studenti si mettono al servizio della sostenibilità e stringono una nuova collaborazione con VAIA.

Una nuova collaborazione, delle ormai quasi 400 con cui gli studenti di Scuola Italiana Design (attualmente oltre 260) si sono cimentati negli ultimi 30 anni, che rappresenta una sfida strategica, quella tra innovazione e sostenibilità, che sarà sempre più connaturata allo sviluppo di nuovi prodotti.

VAIA, infatti, è nata all’inizio del 2019 dalla volontà dei suoi tre fondatori (Federico Stefani, Paolo Milan e Giuseppe Addamo) di trasformare la tragedia della tempesta che nell’ottobre del 2018 ha devastato i boschi secolari delle Dolomiti, in un’opportunità di rilancio del territorio. Recuperando il legno degli alberi abbattuti, la startup, grazie all’opera degli artigiani e delle segherie locali, ha realizzato e messo sul mercato VAIA Cube, speaker che amplifica naturalmente il suono degli smartphone, e VAIA Focus, che amplifica e migliora la visione dei device mobili. La vendita di ciascun oggetto è legata poi ad un progetto concreto di salvaguardia del territorio: per ogni VAIA Cube venduto viene messo a dimora un nuovo albero (ad oggi sono stati ripiantumati oltre 30.000 alberi), mentre per ogni VAIA Focus viene coperto con uno speciale tessuto un metro quadro del ghiacciaio Presena, preservandolo così dallo scioglimento. VAIA rappresenta quindi un modello perfetto di economia circolare che recupera materia pregiata, realizza oggetti di qualità e supporta il territorio, inteso sia come ambiente sia come imprenditoria e artigianalità locali.

Proprio in questa direzione si inserisce il contributo di Scuola Italiana Design, divisione education del Galileo Visionary District: i ragazzi e i docenti coinvolti in questo progetto hanno scelto di guardare al futuro di un consumo che sia sempre meno un elemento di appesantimento dell’ambiente e sempre più invece uno strumento di riequilibrio tra uomo a natura.

Una modalità di sviluppo dell’innovazione di prodotto che sarà sempre più richiesta ai futuri designer che ora studiano sui banchi di Scuola Italia Design.

Ecco allora che 160 ragazzi delle 3 sezioni del secondo e del terzo anno di Sid, divisi in 4 diversi gruppi, si sono cimentati in una sfida che ha prodotto 16 diverse idee di prodotto, 4 per ciascun gruppo.

Il risultato sono stati concept di prodotto e idee che uniscono il design giovane e ricercato alla sostenibilità, valore fondante e strategico del brand VAIA, interpretando perfettamente quella che è la mission della startup: creare oggetti di qualità, belli e funzionali, che vengono scelti con la consapevolezza del loro valore intrinseco ed estrinseco, ovvero un’azione concreta di salvaguardia dell’ambiente.

«È stato straordinario vedere la determinazione, la curiosità e la passione che gli studenti hanno messo in questo lavoro per VAIA» dichiara Federico Stefani, imprenditore e fondatore di VAIA «sono convinto che la creatività di questi giovani, che ambiscono ad essere i designer del futuro, farà la differenza per il Made in Italy.»

«Da molti anni in Galileo Visionary District siamo impegnati nel costruire modelli di business sostenibili» dichiara Emiliano Fabris, direttore del Galileo Visionary District «la preoccupazione degli impatti che il sistema economico ha prodotto e produce tutt'oggi sulla biosfera e sulla società, è una responsabilità in primis di strutture come la nostra, corpi intermedi fra il pubblico e il privato, fra la ricerca e l'azione imprenditoriale. Vaia e la bellissima sinergia che è nata fra noi va esattamente in questa direzione, permettendo ai nostri studenti, designer di domani, di assumersi questa responsabilità già durante il loro percorso di formazione, così da diventare domani, attori di un sistema di progettazione di prodotto etico, rispettoso, consapevole e soprattutto responsabile».

Per info e contatti:
Riccardo Sandre
3887570202
riccardo_sandre@yahoo.it

Galileo Visionary District è il Parco Scientifico e Tecnologico di Padova. Nato nel 1997, è una Società Consortile per Azioni i cui soci di riferimento sono Camera di Commercio di Padova, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Comune di Padova, Università di Padova. Forte di un gruppo di oltre 50 collaboratori fra dipendenti diretti e consulenti, un fatturato annuo intorno ai 2 milioni di euro e un portfolio di collaborazioni che contano molti dei grandi gruppi industriali italiani ed internazionali, ll Galileo Visionary District ha la sua mission nel sostenere la competitività del territorio attraverso l’erogazione di servizi di supporto ai processi innovativi delle imprese sopratutto negli ambiti del design (nelle direzioni industrial, digital, graphic e brand design), dei materiali innovativi ed delle tecnologie ad essi legate (scouting tecnologico e trasferimento tecnologico), del supporto al business development e alla nascita di nuove imprese innovative, al marketing e alla comunicazione.

About VAIA
VAIA è la startup trentina nata nel 2019 con l’obiettivo di dare nuova vita al legno dei boschi del Nord Est abbattuti nel 2018 dalla tempesta Vaia e, allo stesso tempo, supportare il territorio e le comunità locali. Per farlo, il legno recuperato è impiegato per la creazione di oggetti di design realizzati dagli artigiani locali. Ogni oggetto VAIA ha un significato, un messaggio, pone delle riflessioni sul nostro tempo. VAIA si impegna a diffondere un modello di economia circolare che possa rappresentare una risposta concreta ai cambiamenti climatici, potenzialmente applicabile a tutti i territori in cui ce ne sia bisogno. Ad ogni oggetto venduto corrisponde infatti un’azione concreta per la salvaguardia del territorio, dalla ripiantumazione dei boschi delle Dolomiti alla salvaguardia del ghiacciaio Presena sulle Alpi Centrali. Grazie agli oltre 26.000 VAIA Cube venduti in tutto il mondo, VAIA ha già contribuito a piantare oltre 30.000 alberi nei territori colpiti dalla tempesta Vaia.

Per approfondimenti visita vaiawood.eu

Ufficio Stampa VAIA- Green Media Lab Srl SB
Via Tertulliano 70 - 20137 Milano
giorgia.desimini@greenmedialab.com
maddalena.bratti@greenmedialab.com
press@greenmedialab.com
Phone +39 02 91320415
www.greenmedialab.com


14/01/2022 - 11.16.03

fonte: VAIA - Green Media Lab Srl SB press@greenmedialab.com


ricerca notizie:

fonte:

range temporale:

ordina per:

data, ora discendente

data, ora ascendente


Interfiere

FairAdvisor

I vostri hotel per le fiere di Rimini


© 2022 copyright Pianeta Srl - Torino. Tutti i diritti sono riservati. La registrazione, riproduzione, copia, distribuzione o comunicazione pubblica non autorizzate costituiscono violazione del copyright. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge e soggetti al pagamento dei danni.