traduzioni e interpretariato per tutte le lingue mondiali, ovunque


English
version
fiere | servizi | Weekly | GMF | PRISMA | notizie | acquista

media kit | contattaci | chi siamo | stampa | link utili | privacy

numero totale utenti registrati: 153285

tipo di accesso: ospite | accedi | registrati

crediti mensili:
crediti giornalieri:

10
2


proponici le tue notizie

email:


Food&Wine Tourism Forum 2020 – Online edition. Turismo enogastronomico tra sostenibilità, design, innovazione e comunicazione. #foodwineTF20. Nella foto: Allessandra Priante e Michil Costa

Dati UNWTO e tema della “Sostenibilità” per affrontare la ripresa al centro della conference con Alessandra Priante direttore Europa UNWTO e Michil Costa, imprenditore alberghiero, presidente Maratona dles Dolomities

Pianeta Turismi news. Torino, 14 maggio 2020 – Si è conclusa con grande interesse da parte del pubblico, la quarta conference del Food & Wine Tourism Forum, l’evento di aggiornamento e riflessione sulle sfide del turismo enogastronomico organizzato dall’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero, con la direzione scientifica di Roberta Milano.

Il tema affrontato insieme ai relatori Alessandra Priante, direttore Europa UNWTO, e Michil Costa, imprenditore alberghiero, presidente Maratona dles Dolomities, è stato quello della “Sostenibilità” e di come affrontare la ripresa. A moderare l’incontro c’erano Mauro Carbone, direttore dell’Ente Turismo LMR, Roberta Milano, direttore scientifico del Forum e Stefano Mosca, direttore dell’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba.

È stato un momento di grande riflessione con punti di vista differenti sul futuro da re-immaginare e riprogettare. Quello di Alessandra Priante legato a dati e previsioni, con uno sguardo alla situazione internazionale, quello di Michil Costa incentrato sui valori dell’umanità, sulla figura centrale della “persona”. Questa crisi accelera l'urgenza di scelte nette nella strategia e azioni concrete. Entrambi concordano sulla necessità di non tornare alla “normalità” dopo l’emergenza, ma di vederla come opportunità sostanziale per un futuro “Sostenibile”. Da una parte puntando sulla programmazione e dall’altra sui valori di “cura” e responsabilità.

La situazione che stiamo vivendo è particolarmente complicata e inaspettata. Dai dati dello “Special focus on the Impact of COVID-19 dell’UNWTO World Tourism Barometer” presentato qualche giorno fa, rappresentano per il settore del turismo un colpo senza precedenti.

La pandemia ha ridotto gli arrivi di turisti internazionali nel primo trimestre del 2020 a una frazione di quello che erano un anno fa. I dati disponibili indicano una diminuzione a due cifre del 22% nel primo trimestre del 2020, con arrivi a marzo in calo del 57%. Questo si traduce in una perdita di 67 milioni di arrivi internazionali e circa 80 miliardi di dollari persi in esportazioni.

L'impatto della perdita di domanda nei viaggi internazionali potrebbe tradursi in: perdita di 850 milioni a 1,1 miliardi di turisti internazionali; perdita di 910 miliardi di dollari a 1,2 trilioni di dollari di entrate da esportazione del turismo. Gli scenari attuali indicano un possibile calo degli arrivi dal 58% al 78% per l'anno. Gli scenari per il 2020 si basano su tre possibili date per la graduale apertura delle frontiere internazionali: scenario 1 (-58%) basato sull'apertura graduale delle frontiere internazionali e sull'allentamento delle restrizioni di viaggio all'inizio di luglio; scenario 2 (-70%) basato sulla graduale apertura delle frontiere internazionali e sull'allentamento delle restrizioni di viaggio all'inizio di settembre; scenario 3 (-78%) basato sulla graduale apertura delle frontiere internazionali e sull'allentamento delle restrizioni di viaggio solo all'inizio di dicembre.

Per Alessandra Piante il turismo sostenibile è parte di una narrazione accattivante moderna e deve fare parte di noi. Le case history devono servire da ispirazione. L’Austria per esempio prevede nel suo mandato ministeriale “Turismo e Sostenibilità” insieme.

L’emergenza di questo periodo ha permesso di mettere al centro l’importanza del “Turismo”. Un settore che in Italia non ha mai previsto una programmazione a medio e lungo termine. Dalle varie analisi internazionali emerge che la pianificazione e la preparazione di alcuni paesi si è rivelato un aspetto fondamentale per una reazione vincente alla crisi attuale.

A livello internazionale i paesi si stanno muovono con gradualità e tempistiche differenti. Le misure di sostegno immediate che lo stato italiano ha dato alle piccole e medie imprese devono necessariamente essere accompagnate da un piano di ripartenza chiaro e condiviso. È importante che l’Italia sia presente nel dialogo internazionale. Ma prima di tutto bisogna fare un’analisi di scenario, un’analisi seria e rigorosa della nostra offerta, un’attuazione di protocolli sanitari, tra le poche azioni utili al momento disponibili, e un’attenzione alle “best practice” degli altri paesi.

Si riporta quella del Portogallo che al momento basa il suo piano di ripresa su pilastri chiari: sostegno alle imprese, ripristino della fiducia, perché un Paese senza fiducia non va da nessuna parte, cambio nella narrazione della comunicazione e protocolli sanitari con certificazione statale che potrà rassicura il turista. Queste azioni se non saranno possibili a livello nazionale lo dovranno essere a livello locale. Collaborazione e condivisione saranno le parole chiavi per una buona riuscita.

La programmazione in molti paesi è già ripartita, tra gli esempi di buone pratiche ricordiamo il Portogallo, la Grecia e la Croazia che stanno addirittura già comunicando gli eventi del prossimo novembre. La Commissione Europea parla del grande meeting sul turismo sostenibile in programma per l’autunno 2020.

L’Italia per non retrocedere e stare al passo deve colmare il gap rispetto agli altri paesi seguendo il loro esempio, senza dimenticare i problemi legati all’impatto economico come quello della disoccupazione. La disoccupazione rappresenta il costo sociale più altro del momento e del prossimo futuro. In Europa si parla di 27 milioni di posti di lavoro a rischio e globalmente tra i 100 e i 200 milioni di posti di lavoro a seconda degli scenari.

Diversamente da quanto si sostiene fino ad oggi, non dobbiamo dimenticare le azioni verso il mercato internazionale. Ci sono in atto degli accordi bilaterali e multilaterali, anche al di fuori dell’area Schengen, che fanno comprende quanto sia impossibile immaginare una ripresa del turismo senza i turisti internazionali. Molti paesi e molte destinazioni si sono specializzati negli anni verso segmenti di mercato estero.

Per Michil Costa il tema della “Sostenibilità” non è intimamente legato al turismo. La “Sostenibilità” sta nel collegamento tra noi e il mondo, è il bene comune, è umanità. Questo periodo rappresenta un’opportunità per non tornare indietro alla normalità. Non si deve pensare ad una ripartenza ma una trasformazione. Ognuno di noi ha un posto in questo mondo e abbiamo la possibilità di scegliere. Michil Costa per esprime questo concetto cita Aristotele e dice che noi possiamo diventare la migliore versione di noi stessi.

Bisogna essere coraggiosi nelle scelte e per cambiare bisogna anche dare ed esprimere valore. Il suo valore aziendale è il valore personale. L’aspetto della “cura” è fondamentale: la cura della lingua, la cura dell’”inutile”; la persona sta al centro; è indispensabile essere responsabili attraverso l’autovalutazione.

Per essere sostenibili non si può pensare economicamente, ma produrre valore attraverso l’umanità, almeno nell’immediato.
Le aspettative nei confronti della politica sono di un piano chiaro e preciso nei confronti di quelle strutture ricettive che hanno dimostrano di avere progetti ambientali sostenibili e di un sostegno alla qualità che rimane strettamente legato alla politica dei prezzi che non può prevedere un abbassamento sotto un limite sostenibile.

Prossimi appuntamenti

Conference
Martedì 19 maggio ore 11
2020: ridisegnare l'esperienza per i viaggi del gusto

Webinar
Venerdì 15 maggio ore 11
Il video che unisce, e fa sognare.
Fabrizio Ulisse
Docente di video marketing. Co-fondatore di Vudio, un’agenzia che vive nel punto di intersezione fra la produzione di contenuti video e le strategie di marketing digitale.

Temi affrontati
Nell'era del covid 19 il video è diventato il contenuto principale per restare uniti e per viaggiare con gli occhi e con il cuore. Quasi tutti abbiamo fatto almeno una videochiamata, una videoconferenza, un video da condividere, in molti hanno fatto video più strutturati ma anche tantissimi streaming. In questo webinar apprenderemo come sfruttare queste nuove tecnologie e competenze con nuove idee e supporti free o a basso costo per creare contenuti ingaggianti per i nostri clienti in attesa di poterli riabbracciare nelle nostre strutture ricettive e ristoranti.

Le conference e i webinar sono aperti e sono visibili sul sito foodwinetourismforum.it e sulla pagina Facebook.
Durante la conference e i webinar sarà possibile porre delle domande ai relatori.

L’Ente Turismo rimane a disposizione per qualsiasi chiarimento e supporto alla partecipazione.

Info per il pubblico:
Ente Turismo Langhe Monferrato Roero
info@langheroero.it
Tel. 0173 35833

Ufficio stampa
Daniela Di Giovanni
Responsabile ufficio stampa - Press office manager
Comunicazione - Communication
Tel. +39.0173.362807
Fax +39.0173.363878
Cell. +39.335.7529578
digiovanni-press@langheroero.it
Skype: dandi7575
fb: tuLangheRoero
Ente Turismo Langhe Monferrato Roero
Piazza Risorgimento, 2
12051 Alba (CN)


14/05/2020 - 10.51.05

fonte: Daniela di Giovanni digiovanni-press@langheroero.it


ricerca notizie:

fonte:

range temporale:

ordina per:

data, ora discendente

data, ora ascendente


Interfiere

FairAdvisor

I vostri hotel per le fiere di Rimini


© 2020 copyright Pianeta Srl - Torino. Tutti i diritti sono riservati. La registrazione, riproduzione, copia, distribuzione o comunicazione pubblica non autorizzate costituiscono violazione del copyright. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge e soggetti al pagamento dei danni.