EIMA

bimu

traduzioni e interpretariato per tutte le lingue mondiali, ovunque


English
version
fiere | servizi | Weekly | GMF | PRISMA | notizie | acquista

media kit | contattaci | chi siamo | stampa | link utili | privacy

numero totale utenti registrati: 153250

tipo di accesso: ospite | accedi | registrati

crediti mensili:
crediti giornalieri:

8 (nuovi 10 tra 29gg. 22h 8min.)
terminati (nuovi 2 tra 22h 8min.)


proponici le tue notizie

Bilancio del Carrefour International du Bois (CIB) - salone internazionale delle filiera del legno - tenutosi a Exponantes Le Parc (Nantes, Francia) dal 28 al 30 maggio 2024


GMF news - Guida Mondiale delle Fiere. Torino, 17 giugno 2024 – Per Jean Piveteau, Presidente del Carrefour International du Bois:
“L’edizione 2024 è stata un’immensa soddisfazione. Gli espositori hanno presentato un’offerta di altissimo livello mettendo in primo piano la crescita delle competenze della filiera e la diversificazione dei prodotti.
Siamo contenti che la settorizzazione del salone sia stata accolta favorevolmente dagli espositori e abbia risposto alle attese dei visitatori. L’aumento del 25% della superficie espositiva del salone, con l’utilizzo per la prima volta del Pad. XXL, ha inoltre reso lo spostamento tra gli stand più piacevole ed organizzato.
Questo successo lo dobbiamo in gran parte all’implicazione e alla professionalità dell’equipe di Fibois Pays-de-la-Loire che organizza questo salone in un’atmosfera calorosa che è ormai una caratteristica del Carrefour International du Bois”.

“Dopo un’edizione 2022 eccezionale, grazie ad una ripartenza fuori dal comune, il mercato ha ritrovato quest’anno una dinamica stabile e conferma la sua ripresa in un contesto economico tuttavia difficile. Queste prime cifre dell’edizione 2024 di CIB sono una prova della leadership di questo salone in Francia e sui mercati internazionali per il business della filiera foresta-legno. I cambiamenti – giorni d’apertura, settorizzazione, dimensione degli stand, pad. XXL – messi in atto per quest’ultima edizione hanno chiaramente contribuito a migliorare la leggibilità del salone e l’ottimizzazione del percorso di visita”, dichiara Géraldine Cesbron, Direttrice Generale.

Il Carrefour International du Bois è inoltre un luogo per informarsi sui grandi temi che che il settore sta attraversando e per seguire conferenze, talk show o pitch che consentono di confrontarsi.
L’UTILITA’ SOCIALE DELLA FILIERA FORESTA-LEGNO: UNA SFIDA PRIORITARIA DI QUEST’EDIZIONE 2024
La visita di Marc Fesneau, Ministro dell’Agricoltura e della Sovranità Alimentare, all’apertura del salone, testimonia il sostegno ormai consolidato dello Stato francese alla filiera, già peraltro dimostrato lo scorso aprile con la nomina di un delegato interministeriale alle foreste, al legno e ai suoi utilizzi (Jean-Michel Servant, ex-Presidente di France Bois Forêt). Identificata come uno strumento di sviluppo dell’industria e dell’impiego, al di là della sua utilità ambientale, la filiera sarà al centro di una seconda richiesta di gare d’appalto per la presentazione di progetti nell’ambito del piano d’investimento del governo francese “France 2030” a cura di Ademe (Agenzia della Transizione Ecologica).

In un contesto sociale inedito, contrassegnato dal cambiamento climatico, riprendere il dialogo con la società è una priorità assoluta per la filiera foresta-legno. Il Carrefour è stato dunque l’occasione per ritornare sul rapporto d’utilità sociale del settore è stato presentato recentemente e che pone le fondamenta per un’azione comune nei prossimi anni. Esso articola il ruolo della foresta e della filiera intorno a 3 pilastri, che devono permettere d’elaborare un quadro comune d’impegno per gli operatori del legno: rispondere ai bisogni degli esseri umani, proteggere il pianeta vivente e lottare contro il riscaldamento climatico.

Cosciente delle sue ricchezze, quest’anno la filiera ha mostrato ancora di più la sua capacità di innovare al servizio della riduzione dell’impatto ambientale, esplorando in modo specifico la tematica del riutilizzo nella costruzione. In effetti, la dinamica di strutturazione della filiera legno fa emergere nuovi attori e nuovi sbocchi che consentono di preservare le risorse e di migliorare continuamente il suo impatto ambientale lavorando sull’allungamento della durata di vita dei prodotti in legno.

“Una sola parola per riassumere quest’edizione 2024: la fiducia. Gli operatori del settore erano contenti di ritrovarsi e confrontarsi con i loro clienti ma sono soprattutto ripartiti sereni dopo 3 giorni di scambi proficui. La professione può avere fiducia nel futuro di questa professione che è la nostra e proiettarsi a medio termine. Era importante e necessario vista la congiuntura economica, le problematiche ambientali e la pressione normativa che pesano attualmente sulla filiera”,
afferma Nicolas Visier, Direttore del Carrefour International du Bois.

La parola ad un espositore internazionale: KEBONY è una società norvegese
Propone un’alternativa ecologica per le assi di legno delle terrazze e dei rivestimenti. La sua tecnologia brevettata di legno modificato è riconosciuta a livello mondiale per la sostenibilità. KEBONY ha partecipato per il secondo anno consecutivo al Carrefour International du Bois, e prevede già di tornarci per l’edizione 2026.
“Il CIB è l’appuntamento internazionale di spicco dove tutti gli operatori del legno si incontrano. Si tratta di un passaggio obbligato per un’azienda in piena espansione come la nostra. Siamo contenti dell’edizione 2024 in cui abbiamo stretto contatti di primo livello con società francesi ed internazionali (distributori, architetti, paesaggisti…)”, spiega Julie Agnese, Responsabile delle Vendite di KEBONY.

Focus innovazione: la Woodtech
Dal 2022, il Carrefour International du Bois dà grande rilievo all’innovazione e alla scoperta dei nuovi prodotti. Nel momento in cui l’innovazione e la collaborazione tra settori sono essenziali, La WoodTech si posiziona all’interno di un network dinamico che riunisce e sostiene le start-up innovative al servizio dello sviluppo sostenibile della filiera foresta-legno. Queste società, attraverso le loro innovazioni tecniche o operative, contribuiscono alla trasformazione dell’insieme della catena di valore di questa industria. La WoodTech ha approfittato del salone per annunciare un’iniziativa importante: il lancio di un concorso per le startup francesi della filiera Foresta Legno Chimica del Legno che ha la finalità d’identificare le innovazioni più promettenti della filiera, proponendo una piattaforma affinché le nuove idee ricevano il sostegno necessario al loro sviluppo e successo.

La parola ad un espositore francese: il Gruppo Deschaumes
L’impresa a conduzione familiare espone al Carrefour International du Bois da molti anni e ha lanciato in fiera Naofloor, il primo rivestimento per il pavimento da fonte bio, con un bilancio carbonio neutro.
Questo parquet, costruito con l’istituto tecnologico FCBA e di fabbricazione francese garantita grazie al certificato Bois de France e PEFC 100%, è inoltre smontabile, riutilizzabile accordandogli una durata di vita di più secoli.
“Questo salone è il luogo ideale per presentare nuovi prodotti ai nostri clienti storici e nuovi, in particolar modo perché riserva un posto di rilievo alle innovazioni responsabili e sostenibili, in modo coerente con l’approccio di utilità sociale della filiera”, spiega Samuel Deschaumes, presidente della nuova startup industriale.

CONTATTO STAMPA PER l’ITALIA:
Saloni Internazionali Francesi S.r.l. – Tel. 02.43.43.53.26 – mtajroldi@salonifrancesi.it
www.salonifrancesi.com


17/06/2024 - 12.29.13

fonte: Maria Teresa Ajroldi mtajroldi@e.promosalons.com


ricerca notizie:

fonte:

range temporale:

ordina per:

data, ora discendente

data, ora ascendente


Interfiere

FairAdvisor

I vostri hotel per le fiere di Rimini


© 2024 copyright Pianeta di Giovanni Paparo - Torino. Tutti i diritti sono riservati. La registrazione, riproduzione, copia, distribuzione o comunicazione pubblica non autorizzate costituiscono violazione del copyright. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge e soggetti al pagamento dei danni.