EIMA

bimu

traduzioni e interpretariato per tutte le lingue mondiali, ovunque


English
version
fiere | servizi | Weekly | GMF | PRISMA | notizie | acquista

media kit | contattaci | chi siamo | stampa | link utili | privacy

numero totale utenti registrati: 153250

tipo di accesso: ospite | accedi | registrati

crediti mensili:
crediti giornalieri:

8 (nuovi 10 tra 29gg. 22h 27min.)
terminati (nuovi 2 tra 22h 27min.)


proponici le tue notizie

Andrea Wulf
Magnifici ribelli
I primi romantici e l'invenzione dell'Io
LUISS


Pianeta Libri news. Torino, 26 aprile 2024 – Quando i soldati prussiani arrestarono Caroline Böhmer sembrò che una rivoluzione fosse stata stroncata sul nascere. La giovane donna, che viaggiava in compagnia della piccola Auguste di soli sette anni, era stata tra quanti, in Germania, avevano appoggiato l’occupazione di Magonza da parte dei repubblicani francesi. Caroline venne catturata e imprigionata senza processo assieme a coloro che avevano sognato di ripetere, in quella terra ancora feudale, l’esperienza della Rivoluzione francese. Eppure, di lì a pochi anni, Caroline sarebbe stata il cuore e la mente di un gruppo di giovani donne e uomini che avrebbero cambiato il mondo in modo ancora più profondo e duraturo di quanto fatto dai giacobini in Francia.

La storia di questa rivoluzione, una rivoluzione dello spirito e della mente, è raccontata oggi da Andrea Wulf in Magnifici ribelli. Il luogo è Jena, non una grande capitale ma una piccola città della Germania centrale dove si incontrarono, nello stesso posto e nello stesso momento, il burbero filosofo Johann Gottlieb Fichte, l’enigmatico poeta Novalis, la scandalosa scrittrice Dorothea Veit, due coppie di fratelli geniali, gli Schlegel e i von Humboldt, il tormentato Friedrich Schelling e i più anziani Friedrich Schiller e Georg Wilhelm Friedrich Hegel.

Al centro di questa galassia di menti brillanti il grande poeta Johann Wolfgang Goethe, adorato come una divinità da quella compagnia di giovani ribelli che, in un mondo così diverso dal nostro e difficile da immaginare, intuirono come all’origine di ogni libertà ci sia l’Io, la parte nascosta di ogni essere umano che rende capaci di sognare, sperare e creare universi e alla quale loro per primi riuscirono a dar voce. Alle origini della nostra modernità c’è questa scoperta, quella di un Io che, libero di autodeterminarsi, ci consente, come diceva Fichte, di essere quello che siamo, perché vogliamo esserlo. È per questo insegnamento che oggi, secondo Andrea Wulf, non possiamo che dirci romantici.

L'autrice

Andrea Wulf
, nata in India da genitori di origine tedesca, è una storica e scrittrice inglese. Nei suoi libri, tradotti in oltre venti lingue in tutto il mondo e vincitori di numerosi premi, ha indagato le origini della scienza moderna. L’invenzione della natura è considerato il suo capolavoro ed ha raccolto unanime consenso sia nel mondo degli specialisti che in quello dei lettori, vincendo numerosi premi, tra cui il Royal Society Science Award, il Costa Biography Award e il Premio Acquistoria 2017. Oltre a L’invenzione della natura, è autrice di Il passaggio di Venere (2012), La confraternita dei giardinieri (2014), Magnifici ribelli (2023) e la graphic novel Le avventure di Alexander Von Humboldt (2023).

Andrea Wulf
Magnifici ribelli
I primi romantici e l'invenzione dell'Io

Traduzione di Antonella Salzano
Luiss University Press, Roma, 1ª edizione: novembre 2023
Collana: Pensiero libero
Tag: andrea wulf, Goethe, jena, magnifici ribelli, romanticismo
Formato: 15x21
Pagine: 528. Brossura fresata, con alette
paperback: 978-88-6105-976-4
€ 24,00

EPUB2 con Adobe DRM
EAN: 9791255960560
€ 12,99


26/04/2024 - 10.31.47

fonte: Luiss


ricerca notizie:

fonte:

range temporale:

ordina per:

data, ora discendente

data, ora ascendente


Interfiere

FairAdvisor

I vostri hotel per le fiere di Rimini


© 2024 copyright Pianeta di Giovanni Paparo - Torino. Tutti i diritti sono riservati. La registrazione, riproduzione, copia, distribuzione o comunicazione pubblica non autorizzate costituiscono violazione del copyright. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge e soggetti al pagamento dei danni.