EIMA

Lamiera

traduzioni e interpretariato per tutte le lingue mondiali, ovunque


English
version
fiere | servizi | Weekly | GMF | PRISMA | notizie | acquista

media kit | contattaci | chi siamo | stampa | link utili | privacy

numero totale utenti registrati: 153228

tipo di accesso: ospite | accedi | registrati

crediti mensili:
crediti giornalieri:

10
2


proponici le tue notizie

William Dalrymple
Anarchia
Adelphi


Pianeta Libri news. Torino, 28 aprile 2022 – È ormai chiaro che lo strapotere delle grandi multinazionali, capace di condizionare la vita politica, le scelte economiche, i flussi informativi, costituisce un rischio per le odierne democrazie liberali. Ma il fenomeno è tutt’altro che nuovo.

Circa quattrocento anni fa un’audace start-up londinese, dal suo piccolo ufficio nel cuore della City, si lanciò, letteralmente, alla conquista del mondo. La Compagnia Britannica delle Indie Orientali, una delle prime Società per Azioni, avviò l’attività con trentacinque dipendenti e una patente regia che le consentiva di «muovere guerra».

Duecento anni più tardi, gli immensi profitti del commercio con le Indie – e un uso spregiudicato della forza e della diplomazia – l’avevano resa più ricca, potente e bellicosa della nazione in cui era nata: disponeva di uno dei più grandi e moderni eserciti permanenti al mondo, e controllava sconfinati territori, governati al di fuori di ogni legittimazione democratica e costituzionale. Inevitabilmente, il suo potere si insinuò anche in patria, rischiando di minarne gli ancor giovani princìpi democratici con la corruzione, i conflitti di interesse, il traffico di influenze.

Con l’assoluto rigore storico e la maestria narrativa che lo caratterizzano, William Dalrymple ci racconta in questo libro l’ascesa inarrestabile della Compagnia delle Indie Orientali, ricostruendone la vicenda a partire da documenti originali e fonti bibliografiche inusitate e rare – e mostrando a quali estremi è potuto arrivare in passato il dominio incontrollato di una gigantesca corporation.

"Una lettera anonima pubblicata sull'«Edimburgh Rewiew», alcuni mesi dopo il richiamo di Wellesley, probabilmente di James Mill, illustrava bene il concetto: «Tra tutti i visionari e stravaganti sistemi politici che sono stati proposti,» scrisse «nessuno è così assurdo da affermare che il modo più raccomandabile per governare un impero consista nell'affidarlo alle cure di un corpo di mercanti che risiedono a una distanza di molte migliaia di chilometri». Nel 1813 il Parlamento abolì il monopolio della Compagnia sul commercio con l'Oriente, consentendo così ad altri mercanti e agenzie di aprire bottega a Bombay e Calcutta." (pag. 485)

ESTRATTO
Leggi le prime pagine

L'autore

William Dalrymple
(20 marzo 1965), storico, scrittore di viaggi e giornalista, vive tra Londra, Edimburgo e Delhi con la moglie e i tre figli. Ha scritto 3 libri ispirati a sui suoi viaggi in Medio Oriente e nel Sud-Est asiatico, e diversi saggi e romanzi storici sull'India. Per i suoi saggi sull’India e l’Oriente è stato insignito di numerosi premi letterari. È membro della Royal Society of Literature e della Royal Asiatic Society. Scrive per The New York Review of Books, The Guardian, New Statesman e The New Yorker.
Per Adelphi ha pubblicato Nove vite (2011), Il ritorno di un re (2015, con Anita Anand). Anarchia è stato pubblicato per la prima volta nel 2019:

William Dalrymple
Anarchia
L'inarrestabile ascesa della
Compagnia delle Indie Orientali

Traduzione di Svevo D'Onofrio
Adelphi Edizioni, Milano, marzo 2022
Temi: Storia contemporanea, Storia moderna
Pagine: 640. 14 ill. b/n, 67 immagini colori. Brossura cucita, con alette
ISBN: 9788845936616
34,00 €

Adelphi eBook
ISBN: 9788845985300
€ 14,99


28/04/2022 - 11.08.11

fonte: Adelphi Edizioni


ricerca notizie:

fonte:

range temporale:

ordina per:

data, ora discendente

data, ora ascendente


Interfiere

FairAdvisor

I vostri hotel per le fiere di Rimini


© 2022 copyright Pianeta Srl - Torino. Tutti i diritti sono riservati. La registrazione, riproduzione, copia, distribuzione o comunicazione pubblica non autorizzate costituiscono violazione del copyright. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge e soggetti al pagamento dei danni.