FairAdvisor

traduzioni e interpretariato per tutte le lingue mondiali, ovunque


English
version
fiere | servizi | Weekly | GMF | PRISMA | notizie | acquista

media kit | contattaci | chi siamo | stampa | link utili | privacy

numero totale utenti registrati: 153257

tipo di accesso: ospite | accedi | registrati

crediti mensili:
crediti giornalieri:

10
2


proponici le tue notizie

Progetto Fuoco: la 12° edizione dal 19 al 22 febbraio 2020


GMF news - Guida Mondiale delle Fiere. Torino, 7 gennaio 2020 – Progetto Fuoco è la fiera leader mondiale nel settore del riscaldamento e produzione di energia attraverso le biomasse legnose ed è organizzata da Piemmeti S.p.A., azienda del Gruppo Veronafiere S.p.A.

Giunta alla sua 12ª edizione, Progetto Fuoco è in programma a Veronafiere dal 19 al 22 febbraio 2020: la manifestazione (a cadenza biennale) si conferma non solo come l’appuntamento di riferimento a livello mondiale per l’intero comparto, ma anche come l’unico evento di valorizzazione dell’intera filiera.

Progetto Fuoco 2020: la fiera
Business, sostenibilità ambientale, risparmio energetico, sistemi di incentivazione, design, innovazione e tecnologia. Saranno questi i temi al centro di Progetto Fuoco 2020, che ancora una volta si propone come luogo di incontro privilegiato tra domanda e offerta e piattaforma strategica per l’aggiornamento e il confronto sui temi caldi del settore, grazie anche alle collaborazioni scientifiche con AIEL (partner tecnico), Università di Padova Tesaf, Anfus, Assocosma e tutte le principali associazioni del settore.

Progetto Fuoco – dichiara il presidente di Piemmeti SpA, Ado Rebuli – promuove un’altra filiera industriale d’eccellenza del Made in Italy che, dal bosco al camino, conta nel Paese 14mila aziende, 72mila addetti e 5 miliardi di euro di fatturato.

Il salone presidia un settore in continua espansione, grazie al grande potenziale di sviluppo legato alle energie rinnovabili, quali sono le biomasse legnose. La sostenibilità, infatti, non è soltanto un fatto culturale, ma un driver di crescita globale.

I numeri della 12ª edizione di Progetto Fuoco:

• 800 espositori (40% dei quali stranieri provenienti da 40 nazioni, Germania, Austria e Francia in testa);

• 130.000 metri quadrati di superficie espositiva (8 padiglioni + l’area esterna);

• 75.000 visitatori attesi (25% stranieri provenienti da 70 paesi);

• Oltre 3.500 prodotti in mostra (di cui 300 funzionanti grazie all’impianto di estrazione dei fumi di cui è dotato ogni padiglione di Veronafiere);

• Circa 250 giornalisti accreditati;

• Più di 100 eventi, workshop e conferenze.

Nel settore del riscaldamento a biomassa legnosa, Piemmeti è sempre più protagonista sulla scena internazionale – aggiunge Raul Barbieri, direttore generale di Piemmeti S.p.A. – grazie all’importante lavoro che portiamo avanti da oltre vent’anni per offrire ai nostri espositori una piattaforma privilegiata di scambio e aggiornamento su tutto ciò che ruota attorno agli impianti e alle attrezzature per la produzione di calore ed energia dalla combustione di legna da ardere.

Oggi con Progetto Fuoco a Verona, la più importante fiera al mondo nel suo settore, con gli eventi di Arezzo e Bari, con i nuovi prodotti editoriali PF Magazine e il Repertorio 2020-21, oltre l’attività social e web, Piemmeti completa la propria offerta proponendosi come l’unico qualificato player di comunicazione e promozione per lo sviluppo del settore.

Progetto Fuoco 2020: i temi

Sostenibilità ambientale
Ammontano a 25 milioni le tonnellate di CO2 equivalente risparmiate annualmente in Italia grazie alla sostituzione delle fonti fossili con le biomasse legnose, una fonte rinnovabile.

Non solo. Secondo AIEL, il legno, usato per il riscaldamento domestico in sostituzione dei combustibili d’importazione, porta anche benefici in termini economici, occupazionali e di difesa del territorio.

Un ettaro di bosco gestito genera infatti in 300 anni un risparmio di CO2 dieci volte maggiore del risparmio derivato da una foresta “abbandonata”, grazie all’uso del legno come materiale da costruzione e come biocombustibile.

E c’è di più: un bosco in salute assicura regimazione delle acque e protezione da valanghe e frane. Quindi non è vero che usare biomassa legnosa per il riscaldamento distrugge le foreste, se tale operazione segue una gestione sostenibile.

Contrariamente a quanto si pensa, la superficie forestale italiana (10,4 milioni di ettari) è più che raddoppiata in mezzo secolo, ma alla crescita in volume non corrisponde lo stesso livello di prelievo di legname (l’Italia preleva annualmente circa il 25% dell’incremento legnoso, posizionandosi al penultimo posto in Europa).

Ciò fa capire come in realtà il bosco italiano non sia gestito né utilizzato e versi quindi in stato di abbandono, pur rappresentando una risorsa da tutelare e da mettere a valore.

Tendenze mercato
Quello italiano è sicuramente un mercato in salute che vede sempre più consumatori scegliere stufe e caminetti a biomassa, consapevoli dei vantaggi legati al controllo della spesa e soprattutto alla gestione autonoma.

Da non trascurare l’aspetto “food trend”,con il ritorno delle cucine a legna e a pellet: una scelta ideale per chi punta ai sapori genuini che esaltano al massimo i profumi e gli aromi senza alterarne le caratteristiche organolettiche mantenendo il valore della modernità nello stile e il rispetto per l’ambiente.

Il gusto per l’estetica che strizza l’occhio anche alla tecnologia
Oltre a garantire prestazioni sempre più performanti e emissioni sempre più basse, il settore del riscaldamento a biomasse legnose sta dimostrando una sensibilità crescente anche verso il design.

Oggi un caminetto, una stufa a legna o a pellet infatti non è solo uno strumento per riscaldare, ma sempre più un naturale completamento di arredamenti raffinati e di scelte architettoniche, che può pure essere gestito direttamente dal proprio smartphone dentro e fuori le mura domestiche, può avere dei sistemi di pulizia automatici che riducono drasticamente la manutenzione ordinaria, in alcuni casi può addirittura auto caricare i ceppi di legno.

Una stufa a pellet accesa ed esposta in fiera a Progetto Fuoco

Progetto Fuoco 2020: le iniziative

Give Me Fire: European Startup Award
Nell’ambito di Progetto Fuoco (pad. 9) un’iniziativa internazionale dedicata alle startup che innovano nel settore del “fuoco”: un premio (Progetto Fuoco European Startup Award) e un’area tematica (Give Me Fire, Innovation Village) dedicata alle startup e ai centri di ricerca che presentano innovazioni sul settore del riscaldamento a biomassa. L’iniziativa è promossa da Piemmeti e Blum, in collaborazione con Aiel.

Progetto Bosco
Nell’area esterna antistante i padiglioni espositivi, la prima edizione di Progetto Bosco, la nuova area tematica di Progetto Fuoco dedicata al bosco e alla meccanizzazione forestale. Il leitmotiv di Progetto Bosco è “l’energia della foresta”. A Progetto Bosco il racconto dell’importanza e del valore del bosco, l’esposizione dedicata alla meccanizzazione forestale con prove e dimostrazioni e un programma di workshop e seminari tecnici formativi ed informativi.

Ecohouse
Materiali e tecnologie per l’efficienza energetica. EcoHouse è la nuova vetrina che debutterà al padiglione 1 di Progetto Fuoco, per offrire un’occasione imperdibile di conoscenza, informazione e aggiornamento a produttori, rivenditori, installatori e progettisti del settore termotecnico riguardo i temi dell’efficienza energetica nell’impiantistica e nelle costruzioni.

https://www.progettofuoco.com

Contatti

Piemmeti S.p.a.
info@piemmetispa.com

Sede Operativa
Via San Marco 11/c – 35129 Padova
c/o Palazzo Tendenza – 4 piano int. 66
tel. +39 049 875 3730
fax +39 049 875 6113


07/01/2020 - 12.22.33

fonte: Piemmeti S.p.a. info@piemmetispa.com


ricerca notizie:

fonte:

range temporale:

ordina per:

data, ora discendente

data, ora ascendente


Interfiere

I vostri hotel per le fiere di Rimini


© 2020 copyright Pianeta Srl - Torino. Tutti i diritti sono riservati. La registrazione, riproduzione, copia, distribuzione o comunicazione pubblica non autorizzate costituiscono violazione del copyright. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge e soggetti al pagamento dei danni.