FairAdvisor

traduzioni e interpretariato per tutte le lingue mondiali, ovunque


English
version
fiere | servizi | Weekly | GMF | PRISMA | notizie | acquista

media kit | contattaci | chi siamo | stampa | link utili | privacy

numero totale utenti registrati: 153247

tipo di accesso: ospite | accedi | registrati

crediti mensili:
crediti giornalieri:

10
2


proponici le tue notizie

Fondazione Fiera Milano approva il Piano Industriale 2020-2022.
Federlegno e FFM firmano preliminare compravendita area "Scarampo"


PRISMA news. Torino, 2 dicembre 2019 – Il Presidente di Fondazione Fiera Milano, Enrico Pazzali, ha illustrato al Consiglio Generale di Fondazione Fiera Milano la Relazione Previsionale e Programmatica, costituita dal nuovo Piano Industriale 2020-2022 e dal Budget 2020, che è stata approvata all’unanimità.

Il Piano Industriale 2020 – 2022, che segna l’avvio del mandato dei nuovi Amministratori in carica per il triennio 2019-2021, in coerenza con le linee di sviluppo delineate nel precedente triennio, indica per Fondazione Fiera Milano un obiettivo di oltre 150 milioni di ricavi, più di 100 milioni di MOL, quasi 30 milioni di utile netto che saranno reinvestiti al servizio del territorio e del sistema fieristico-congressuale, un patrimonio netto di oltre 700 milioni di euro, in forte crescita rispetto ai 664 milioni di euro del 2018.

La strategia che ispira il piano prevede sostanziali novità sulla missione e gli obiettivi della Fondazione Fiera Milano come strumento al servizio della politica industriale e territoriale, rimandando a quattro aree di intervento.

Con la prima area, la Fondazione rafforzerà il ruolo di azionista di sviluppo, per sostenere il gruppo Fiera Milano e la sua crescita, promuovendo, in linea con le proprie finalità statutarie, opportunità di business fieristico e congressuale anche attraverso lo sviluppo di attività di accelerazione e incubazione di nuove iniziative. L’orientamento della Fondazione verso le proprie attività esprime sempre forte attenzione ai valori di legalità, cultura e sostenibilità.

La seconda è relativa all’investimento di quasi 150 milioni nel triennio per incrementare la competitività del quartiere fieristico e congressuale e dello sviluppo territoriale adiacente.

La terza è l’area delle competenze dove la Fondazione opera con l’Accademia che potenzierà e qualificherà ancora di più la propria offerta formativa con il Master Internazionale MEED ( Master in Event and Exhibition Design), il primo nel mondo dedicato al settore.

Infine il terzo settore che Fondazione Fiera Milano continuerà a sostenere attraverso un modello di charity che riduca le disuguaglianze e aiuti il territorio a diventare sempre più inclusivo. Gli aiuti al terzo settore saranno destinati a realtà del non profit in grado di presentare progetti con una forte identità, in grado di sostenere la cultura dell’inclusione e della legalità, in partnership con soggetti istituzionali.

Il nuovo Piano Industriale rappresenta per Fondazione quindi un mix di spinta ulteriore nei confronti della competitività del sistema fieristico-congressuale, di efficienza operativa e di disciplina finanziaria. Le scelte di investimento sono basate su una logica di sana e prudente gestione e i progetti di sviluppo infrastrutturale rappresentano un driver di ulteriore crescita.

Il Presidente di Fondazione Fiera Milano, Enrico Pazzali, ha così commentato l’approvazione della nuova strategia: “Il Piano industriale per il triennio 2020-2022 posiziona Fondazione in modo ancora più distintivo nel panorama delle fondazioni d’impresa, con una previsione di crescita significativa e sostenibile in un assetto patrimoniale di grande rilevanza. Nel corso della sua storia, la Fondazione, ereditando il ruolo della Fiera Campionaria di Milano, ha sempre mantenuto un percorso di crescita e trasformazione, con un processo virtuoso e responsabile di “creazione di valore” per il sistema economico e il suo territorio.”

“Le celebrazioni del Centenario di Fiera Milano nel corso del 2020 saranno l’occasione per fare memoria di un pezzo importante della storia di questo territorio e, al tempo stesso l’occasione per guardare al futuro della Fiera come strumento di crescita per le PMI italiane, attraverso percorsi di internazionalizzazione e di innovazione, nel contesto sempre più incalzante della trasformazione digitale”.


Per consultare il piano industriale: www.fondazionefieramilano.it/fondazione/profilo

Fondazione Fiera Milano, nasce nel 2000, ereditando il patrimonio economico, culturale e immobiliare dell’Ente Fiera di Milano, istituito con regio decreto nel 1922. E’ stata uno dei primi “motori” dello sviluppo economico ed urbanistico della sua città. È oggi proprietaria di Fiera Milano, di fieramilanocity e di Mi-Co Milano Congressi in città - uno tra i più grandi e moderni centri congressuali d’Europa - e promuove l’organizzazione di eventi e manifestazioni nazionali e internazionali, ma in armonia con il territorio di insediamento.

Fondazione Fiera Milano mette a disposizione del Gruppo Fiera Milano, delle imprese che operano nell’ambito del sistema fieristico e del pubblico il proprio Servizio Studi, l’Accademia e l’Archivio Storico per gli sviluppi culturali e di ricerca economico-sociale.

Fondazione si pone oggi e per il futuro con due obiettivi strategici che ne qualificano ulteriormente il ruolo: come Azionista di sviluppo e come “fondazione d’impresa”.

In quanto Azionista, intende potenziare il ruolo di Fiera Milano Spa, attraverso una serie di investimenti per aumentare la competitività a livello internazionale e nazionale, nonché la sostenibilità delle infrastrutture fieristico-congressuali. Il centro congressi MiCo è sempre più un fattore dì attrattività per Milano e ha permesso alla Città di diventare uno dei luoghi di destinazione dei grandi congressi di livello mondiale.

Contratto preliminare di compravendita dell’Area Scarampo

E’ stato firmato da Enrico Pazzali, Presidente di Fondazione Fiera Milano, e da Emanuele Orsini, Presidente di Federlegno Arredo Eventi, il contratto preliminare di compravendita dell’Area Scarampo,

6. 000 mq su cui sorgeranno il nuovo Headquarter della Federazione del legno-arredo e gli uffici del Salone del Mobile.

Oltre all’intervento per la nuova sede del gruppo Federlegno Arredo Eventi, è prevista la realizzazione da parte di Fondazione Fiera di una struttura alberghiera destinata a supportare le attività fieristiche e convegnistico-congressuali, organizzate da Fiera Milano Congressi. Entrambi gli edifici verranno progettati dall’architetto Michele De Lucchi con un’architettura iconica e coordinata, in una zona emblematica della città e della sua storia fieristica, proprio davanti ai padiglioni 3 e 4 di FieraMilanoCity, oggi uno dei quartieri più prestigiosi della nuova Milano. Un connubio fra storia e futuro che vede il capoluogo lombardo capace di reinventarsi senza perdere mai le proprie radici.

“Fondazione Fiera Milano - dichiara il Presidente Enrico Pazzali - è da sempre sensibile ai valori della qualità e della sostenibilità urbane; questo intervento unitario sotto il profilo architettonico si inserisce in un contesto cittadino che in questi ultimi anni è al centro di una profonda trasformazione urbanistica. Il progetto riveste un’importanza centrale per la Fiera e la città di Milano e per il legame che la accomuna a Federlegno Arredo. Fondazione Fiera promuove questo investimento che valorizzerà la sua presenza al Portello, oggi una delle aree cittadine più prestigiose, in coerenza con le proprie finalità statutarie, sviluppando ulteriormente le potenzialità dell’area. L’accordo - conclude Pazzali - intende rafforzare la partnership con il Salone del Mobile (la più importante manifestazione fieristica di settore al mondo) e promuovere il design italiano, attraverso la realizzazione di una sede iconica della Federazione che rappresenta le aziende del settore legno-arredo”.

“Con la firma di oggi tra Fondazione Fiera Milano e FLARE, immobiliare controllata al 100% da Federlegno Arredo Eventi
- spiega il Presidente Emanuele Orsini - prende corpo un progetto che darà una ‘casa’ moderna, ecosostenibile, avveniristica e altamente funzionale a tutti i nostri associati e che sarà espressione della filosofia e del saper fare che ci contraddistingue. Una vetrina all’altezza del prestigio della filiera legno-arredo e della qualità del nostro Made in Italy che tutto il mondo ci riconosce. Una scelta strategica e un iconico headquarter per la macchina operativa del gruppo FederlegnoArredo-Salone del Mobile Milano che da sempre condivide la visione dello sviluppo e dell’imprinting che Fondazione Fiera Milano ha saputo dare alla città”.

“La nuova sede del Salone del Mobile potrà ben rappresentare, con un progetto architettonico fortemente identitario, il legame della manifestazione con la sua città
– commenta Claudio Luti, presidente del Salone del Mobile.Milano –. In un momento di grande sviluppo per Milano, lo spazio che ospiterà gli uffici del Salone e delle altre realtà del Gruppo sarà un nuovo punto di riferimento simbolico per Milano".

Sono molto soddisfatto
– dichiara il Governatore della Regione Lombardia Attilio Fontana - dell’accordo raggiunto tra Fondazione Fiera Milano e Federlegno Arredo Eventi perché, da un lato si prosegue nella valorizzazione di un'area che è simbolo del dinamismo economico milanese e lombardo e, dall'altro, la sede Fla, il nuovo albergo, proprio al Portello, rendono palpabile il valore aggiunto che Fondazione Fiera e Federlegno hanno saputo offrire alla economia lombarda e italiana con il Salone del Mobile. Con il progetto, infine, si completa con un ulteriore tassello la dotazione di spazi legati al mondo fieristico di cui la città di Milano aveva bisogno e della quale potrà essere orgogliosa.

“Con questo nuovo progetto
– afferma il Sindaco di Milano, Giuseppe Salala storica area del Portello continua la sua trasformazione nel segno di Fiera Milano e di Federlegno, protagoniste insieme, per decenni e ancora oggi, di straordinarie edizioni del Salone del Mobile. La realizzazione di questo nuovo complesso, rappresentativo dell’identità passata e del futuro del nostro memorabile quartiere fieristico contribuirà ad accrescere la bellezza e l’attrattiva di un luogo già considerato uno dei tanti nuovi volti avveniristici e internazionali di Milano”.

Il terreno rientra tra le aree del Polo Urbano di Fieramilanocity interessate dall’Atto Integrativo 2014 all’Accordo di Programma Fiera. La stipula del contratto definitivo è subordinata all’approvazione, da parte del Comune di Milano, dello Studio di Coordinamento Progettuale Unitario (SCPU), documento illustrativo delle localizzazioni delle funzioni compatibili del Polo Urbano

www.fondazionefieramilano.it

Per ulteriori informazioni:
Fondazione Fiera Milano
Fabio M. Storer
- 02 49977715
Governance Strategica e Comunicazione
Fabio.storer@fondazionefiera.it

Roberto De Giorgis – 3357243146
Comunicazione e Relazioni Esterne – Ufficio Stampa
roberto.degiorgis@fondazionefiera.it


02/12/2019 - 12.31.12

fonte: Fondazione Fiera Milano, Ufficio stampa u.stampa@fondazionefiera.it


ricerca notizie:

fonte:

range temporale:

ordina per:

data, ora discendente

data, ora ascendente


Interfiere

I vostri hotel per le fiere di Rimini


© 2019 copyright Pianeta Srl - Torino. Tutti i diritti sono riservati. La registrazione, riproduzione, copia, distribuzione o comunicazione pubblica non autorizzate costituiscono violazione del copyright. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge e soggetti al pagamento dei danni.