FairAdvisor

traduzioni e interpretariato per tutte le lingue mondiali, ovunque


versione
italiana
The Professional Trade Show Resource
trade fairs| suppliers | Weekly | GMF | PRISMA | news | store

media kit | contact us | about us | useful links | privacy

total number of registered users: 153230

type of access: guest | log in | register

monthly credits:
dayly credits:

10
2


propose us your news

Festival della Tecnologia dal 7 al 10 novembre la prima edizione a Torino. Un'iniziativa del Politecnico di Torino in occasione dei 160 anni dalla sua fondazione: 4 giorni, 160 incontri, oltre 300 relatori dal mondo


PRISMA news. Torino, 6 novembre 2019 – Da domani, giovedì 7 novembre, a domenica 10 novembre Torino ospita la prima edizione del Festival della Tecnologia: una rassegna promossa dal Politecnico di Torino nel 160esimo anniversario dalla sua fondazione - con la curatela del Rettore Guido Saracco, del delegato per la Cultura e la Comunicazione Juan Carlos De Martin e del giornalista Luca De Biase - per esplorare la relazione tra tecnologia e società con un approccio umanistico e democratico, partendo dal presupposto che la tecnologia non sia soltanto il risultato di scienza e innovazione, ma sia prima di tutto il frutto di un'abilità squisitamente umana, la creatività.

Per quattro giorni l'Ateneo aprirà le porte dei propri laboratori, Dipartimenti, Centri di ricerca interdipartimentali e collezioni storiche, con la collaborazione preziosa di numerosi partner del territorio - oltre 50 - che hanno contribuito a una rassegna di ampio respiro per offrire alla cittadinanza una riflessione articolata, inclusiva e accessibile su questi temi: dalla Regione Piemonte, che ha proposto quest'anno di gemellare il Festival con la sua iniziativa Fabbriche Aperte, alla Città Metropolitana e Città di Torino, patrocinatori insieme a MIBACT, RAI, Confindustria Piemonte e Canavese, Unione Industriale di Torino, API e Consiglio Nazionale degli Ingegneri; la Camera di Commercio di Torino ha contribuito a sviluppare eventi dedicati al tema dell'Economia circolare.

Il programma del Festival è caratterizzato da una forte interdisciplinarità: si parlerà, certo, delle innovazioni tecniche più recenti, ma ampio spazio sarà dato alle implicazioni sociali, ambientali, etiche, economiche, politiche con incontri che tratteranno, tra gli altri temi, di intelligenza artificiale, big data, blockchain, hackeraggio, low-tech, mobilità sostenibile, ecologia, ma anche di cibo, sport, musica, cinema, letteratura, filosofia, religione e spiritualità. La tecnologia non esisterebbe, del resto, senza un innato senso del bello; e ci metterebbe di fronte a grandi pericoli se non fosse regolata dal .

Dal 7 al 10 novembre saranno quindi oltre 300 i relatori da tutto il mondo che si alterneranno in occasione degli oltre 160 incontri diffusi su tutto il territorio cittadino.
Questa sera alle ore 18,00 un anticipo del Festival con l'inaugurazione delle mostre e delle installazioni permanenti che si svolge presso la Sala Consiglio di Facoltà del Politecnico in corso Duca degli Abruzzi 24.

La rassegna si apre quindi giovedì 7 novembre con il conferimento della Laurea ad honorem in Ingegneria Gestionale al Premio Nobel Joseph Stiglitz, che terrà una lectio intitolata Tecnologia e diseguaglianza; alla cerimonia seguirà lo svelamento della statua di Quintino Sella, uno dei fondatori del Politecnico, che trova una nuova e più importante collocazione proprio in occasione del Festival; chiuderà la giornata inaugurale il concerto del Coro PoliEtnico del Politecnico.

Venerdì 8 novembre, tra i tanti eventi, protagonisti gli studenti del Politecnico, che dialogheranno con John Elkann, ex-allievo, sui temi della rivoluzione tech del settore automotive, ma anche, più in generale, dell'impatto della tecnologia sulla società; il grande chef Ferran Adrià parlerà del rapporto tra cibo e tecnologia, nel quadro del progetto Coffee Sapiens, promosso da Lavazza e dalla elBulli Foundation di cui è Presidente; mentre Alessandro Baricco si interrogherà su cosa ha guadagnato e cosa ha perso l'uomo con la rivoluzione digitale e l'astrofisica Ersilia Vaudo Scarpetta racconterà lo spazio, ma anche i "superpoteri" che la scienza può regalare, in particolare alle donne.

Di spazio si parlerà anche - tra i tanti temi che verranno trattati - sabato 9 novembre con Samantha Cristoforetti, a cui il Politecnico conferirà la Laura ad honorem in Ingegneria Aerospaziale, e che per l'occasione terrà una lectio intitolata: Esplorazione umana dello spazio: sfide tecnologiche. Samantha Cristoforetti interverrà anche alla Convention Alumni PoliTO, organizzata dall'Ateneo e dalla sua Associazione di ex-allievi: per la prima volta aperta al pubblico, un'occasione di incontro tra - e con - gli alumni PoliTO per dar vita a una community coesa e creativa. Gli occhi della città è il titolo del panel con il docente di Harvard Antoine Picon, l'architetto e docente del MIT Carlo Ratti e l'architetto e docente cinese Zhang Li, che sabato racconteranno come gli edifici diventino quasi creature vive, capaci di interagire tra loro e con i cittadini grazie alla tecnologia. L'incontro sarà l'occasione per presentare i temi della Biennale di Shenzhen, curata dal Politecnico di Torino (South China-Torino Lab, con l'università cinese SCUT) e Carlo Ratti.

Uno dei tanti protagonisti della giornata di domenica 10 novembre sarà Carlo Petrini, che porterà la sua testimonianza sull'importanza della tutela delle risorse naturali di fronte allo sviluppo tecnologico. Di libertà e dipendenze, poi, parlerà il saggista bielorusso Evgeny Morozov, che si chiederà se le piattaforme digitali e i servizi algoritmici incrementino la nostra autonomia oppure producano nuove e pericolose dipendenze.
Il Festival si chiuderà con un incontro che vuole tirare le fila della quattro-giorni di dibattiti e riflessioni condivise: un Processo alla tecnologia che vedrà confrontarsi il Rettore dell'Università degli Studi di Torino Stefano Geuna, il Presidente del CNR Massimo Inguscio, il Direttore Generale dell'Istituto Italiano di Tecnologia Gianmarco Montanari, la docente di Filosofia della Scienza Simona Morini e il Rettore del Politecnico Guido Saracco.

Informazioni generali

Ingresso libero
Tutti gli eventi e gli incontri del Festival sono ad accesso gratuito e libero, fino ad esaurimento dei posti disponibili in sala, ad eccezione della "Notte da brivido" al Museo del Cinema, che prevede un biglietto d'ingresso. Per alcuni incontri e` richiesta la prenotazione obbligatoria sul sito www.festivaltecnologia.it

Programma completo e info
Il programma completo è disponibile online al sito www.festivaltecnologia.it
È disponibile sia per dispositivi Android che iOS la webapp Festival della Tecnologia.
Per informazioni: info.festival@polito.it

Ufficio Stampa Istituzionale e Regionale
Relazioni con i Media - Politecnico di Torino
Elena Foglia Franke, Marzia Brandolese, Silvia Brannetti
Tel. 011.0906286 - festival.media@polito.it

Ufficio Stampa Nazionale
Babel Agency
press.festivaltecnologia@gmail.com
Francesca Tablino - francesca@babelagency.it
Greta Messori - greta@babelagency.it
Martina Po - martina@babelagency.it

Politecnico di Torino
Relazioni con i media

Comunicazione, Eventi e Relazioni con l'Esterno
corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino
tel. 011 090 6319
relazioni.media@polito.it; festival.media@polito.it


06/11/2019 - 10:48:37

source: Relazioni con i media relazioni.media@polito.it


news search:

source:

temporal range:

sort by:

date, hour, descendent

date, hour, ascending


Interfiere

I vostri hotel per le fiere di Rimini


© 2019 copyright Pianeta Srl - Turin. Any non authorized recording, reproduction, copying, distribution or public communication constitute a breach of copyright. Trespassers will be prosecuted and liable to pay damages.